lundi 21 juillet 2014

L'impostura dei fattori di dosi interna: il caso dello iodio 131.

L’irrazionalità fisica dei fattori di dose interna al vaglio: quale massa corporea è necessaria per spiegare il fattore di dose della IRCP dello iodio 131 ? 

Lo iodio 131 (Gr. iodes, viola); I; massa at. 130,9061246 (12); n° at. 53; m.p. 113,7°C; b.p. 184,4°C; tc 546°C; sp. gr. del gas 11,27 g/l; sp. gr. solido 4,93 (20°C); semi-vita 8,023 giorni; 1,24E5 Ci/gr; 8,05E-6 gr/Ci; β-; 0,606 MeV; range nei tessuti del β- ~1795 μ.

Lo iodio 131 ha un periodo radioattivo di 8,023 giorni, un periodo biologico di 120 giorni e un periodo effettivo di 7,52 giorni. (λ fisico 1,000E-6, λ biologico 6,685E-8, λ effettivo 1,067E-6.)

Il fattore di dose ufficiale per inalazione del I131 per gli adulti è di 7,60E-9 Sv/Bq. Questo fattore di assorbimento calcolato per l'incorporazione di 1 Bq è un valore integrato che contabilizza l'insieme delle disintegrazioni che si svolgeranno in 50 anni a seguito dell'incorporazione di questa massa avente un'attività di 1 Bq. Questo Sv/Bq interno rappresenta così una somma di emissioni e non un'unica emissione come è per contro il caso per i fattori di dose esterna.

Debitamente tenuto conto del periodo effettivo di residenza dello iodio nel organismo che è di circa 7,52 giorni e che fa si che dopo 74,9 giorni 99,9% del contaminante sarà scomparso e che l'attività assorbita rappresenta il 93,7% dell'attività radioattiva emessa in 50 anni, per questo elemento quest'attività ammonta a 9,37E5 emissioni. (1 Bq/1,067E-6 λe) * 1-(EXP(50*365*24*60*60*-1,067E-6)) = 9,374E5. Altrimenti detto incorporare 1 Bq di questo elemento significa subire nel tempo 937,35 mille disintegrazioni che, secondo l’oscurantista scienza ufficiale, conducono ad una dose assorbita complessiva di 7,60E-9 Sv.

Ora dunque se 937,35 mille emissioni inducono 7,60E-9 Sv è dunque che 1 disintegrazione induce in logica 7,60E-9/9,374E5 = 8,11E-15 Sv.
Verifichiamo: 8,10794E-15 Sv/disintegrazioni * 9,374E5 disintegrazioni nel tempo = 7,60E-9 Sv assorbiti.

E razionale questo valore stabilito ? Ha un fondamento fisico obiettivo ed inconfutabile ?

Per rispondere a questo pressante interrogativo ci si può chiedere quale massa di tessuti sia necessaria per ricevere una tale debole dose allorché l'energia di partenza della particella β- di questo elemento è di 0,606 MeV e che la sua traiettoria nell'organismo non va al di là di 1795 μ, una particella immobilizzata dissipando la sua energia ionizzante in una infima massa corporea di 24,23 mgr. (4/3 * 3,14159 * (1795 * 0,00013) = 2,4226E-2.)

Diciamolo senza giri di parole prima di farne la dimostrazione: serve una massa di carne di 11,97 kg per diluire una tale energia in una così debole dose. (0,6060 MeV*1,602E-6 Erg per MeV*1 EBR)/(8,108E-15 Sv/disintegrazione * 100 Erg/gr * 100 Rad/Sv) = 11974,923. Si può per giunta notare che il raggio di questa massa corporea dichiarata irradiata 11974,9225 cm3/(4/3*3,14159))1/3 = 14,1926 cm cioè 141925,81 μ  è incompatibile con la distanza percorsa dalla particella radioattiva nella materia. Il raggio d'azione della particella necessario per irradiare una tale massa è in effetti 79,1 più ampio di quanto non possa fisicamente essere.

In questi calcoli ufficiali pretestuosamente razionali ma realmente criminali, la particella β- del I131 va in effetti 141925,81 μ/1795 μ = 79,1 volte troppo lontano. La massa che assorbe l'energia ionizzante è pertanto artificialmente aumentata di 494,3 mille volte (79,073 = 494300 oppure 1,20E4 gr/2,42E-2 gr = 494301) e di conseguenza la dose assorbita viene artificiosamente sminuita nella stessa misura.

Una sola e irrevocabile conclusione s'impone alla ragione. Una massa così smisurata per assorbire una sola disintegrazione beta di 0,606 MeV ossia una dose ionizzante così debole per disintegrazione e un tragitto così ampio del raggio nella materia sono all'evidenza fisicamente impossibili.

Questo fattore di dose interna è sprovvisto di qualsiasi fondamento obiettivo. E falso ed è il fatto di kamikazi in cravatta.

Calcolo della dose d'irraggiamento dovuta a una particella β- di 0,606 MeV a ragione dei 1795 μ percorsi nei tessuti viventi: (1 Bq * 0,6060 MeV * 1,602E-6 Erg per MeV * 1 EBR)/((4/3 * 3,14159 * (1795 * 0,00013)) gr * 100 Erg/gr * 100 Rad/Sv) = 4,01E-9 Sv/Bq ossia 4,01 nanoSievert per Becquerel. La dose impegnata per 1 Bq su 50 anni risulta pertanto di (1 Bq/1,067E-6 λe s-1 * (1-Exp(50*365*24*60*60 * -1,067E-6 λe))) * 4,01E-9 Sv/Bq) = 0,0038 Sv/Bq cioè 3,76 milliSievert per Becquerel.

Alla salute !



Aucun commentaire: